logo

Videosorveglianza Urbana

Un sistema di Videosorveglianza Urbana rappresenta la fusione tra conoscenza di :progettazione, dettagli  di sicurezza, normative e disposizioni urbanistiche.
Esistono ambiti regolamentati da norme precise a seconda di dove si deve collocare l’impianto.

Il primo elemento di cui bisogna tener conto riguarda il piano urbanistico comunale. Essendo molto spesso tali impianti posizionati all’interno di centri storici  al cui interno troviamo belle arti, si necessita avere l’autorizzazione  e tener conto anche dell’estetica.

Un’altro elemento di cui bisogna tener conto, riguarda le norme in materia di esposizione ai campi magnetici,per tale elemento si fa riferimento alla direttiva n.558/SICPART/421.2/70/224632 del 2 marzo 2012 “Sistemi di videosorveglianza in ambito comunale” , in questo documento vengono fornite le indicazioni per le PA  alle più moderne tecnologie e nuove esigenze delle Forze dell’ordine e della cittadinanza.

Finalmente, dopo un periodo di incertezza, si è trovata un’indicazione univoca e innovativa da parte del Garante.

Per la tutela della sicurezza urbana, i Comuni possono utilizzare sistemi di videosorveglianza in luoghi pubblici o all’aperto. Il concetto alla base è inteso come tutela della sicurezza pubblica, come prevenzione e repressione dei reati. Ne consegue che il trattamento può essere effettuato solo da agenti di polizia locale che abbiamo la qualifica di agente di pubblica sicurezza.

(Regolamento 2016/679, sia della direttiva 680/2016 e dei rispettivi decreti di attuazione)

netpharos da anni progetta e realizza impianti di videosorveglianza e di antifurto nelle province di Avellino, Benevento, Caserta, Napoli e Salerno

 

Comments are closed.